Pronto soccorso al Patrimonio culturale in Ucraina

dicembre 17, 2015

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

Opyshne, Ucraina, 23-25 novembre 2015

 

FAC_Ukraine_posterIl Museo Nazionale della Ceramica ucraina di Opyshne ha ospitato di recente un seminario sul “Pronto Soccorso al Patrimonio culturale in tempi di crisi: strategie internazionali per l’Ucraina”, un evento ispirato al corso dell’ICCROM di Pronto Soccorso al Patrimonio culturale (FAC), tenuto ad Amsterdam all’inizio della scorsa primavera in collaborazione con la Smithsonian Institution, la Commissione nazionale olandese per l’UNESCO, e diversi collaboratori locali.

Utilizzando la metodologia e l’esperienza del FAC, l’evento di tre giorni in Ucraina è stato concepito per rispondere alle molteplici sfide e minacce che il Paese deve fronteggiare. Il movimento pro-europeo della società civile Maidan e il conflitto armato nell’Ucraina orientale hanno messo in pericolo centinaia di musei e siti del Patrimonio culturale. Di conseguenza, si è creata la seria necessità di rafforzare le conoscenze, sui vari aspetti della gestione dei rischi di calamità, volte a elaborare strategie e piani di azione per ridurre i rischi di danni al Patrimonio culturale. E’ pertanto vitale una sinergia tra le politiche e iniziative internazionali e le pratiche e capacità nazionali e locali; è inoltre di cruciale importanza che le capacità siano strutturate in modo da rendere le comunità più forti e pronte a reagire in situazioni di crisi. Continue reading…


Former Sri Lankan ICCROM course participants create an alumni group

gennaio 8, 2015

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un’altra lingua disponibile.

ICCROM Alumni and Friends logo (gray)Last month several former ICCROM course participants from Sri Lanka met at the Postgraduate Institute of Archaeology to hold a networking event and form an alumni group. The Institute’s Director, Jagath Weerasinghe, who himself participated in ICCROM’s Mural Paintings course (MPC) in 1985 and returned in 2008 as a research fellow, was elected President of the alumni and has committed to ensuring that the group remains active.

ICCROM’s Director-General Stefano De Caro was on mission in Sri Lanka at the time and participated in the meeting. Appreciative of the efforts of the Sri Lankan alumni, he indicated that as members of the “ICCROM Family”, they can play a major role in the future development and activities of the organization.

Among the participants was distinguished conservation professional, Roland Silva, who attended the Architectural Conservation (ARC) course in 1967 and later became President of ICOMOS International from 1990 to 1999. He was also the Head of the Department of Archaeology of Sri Lanka and a recipient of the Piero Gazzola Prize in 1999.
ICCROM Alumni in Sri Lanka


Resolution on the relationship between archaeology and communities

marzo 27, 2014

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un’altra lingua disponibile.

During the 7th World Archaeological Congress (WAC-7), held 14-18 January 2013 in Jordan, a group of former ICCROM course participants organized a session on “The Past Lives in the Present”. As an outcome of the session, the following resolution was adopted at the plenary and has now been confirmed by the Executive of the WAC.

Resolution concerning the relationship of archaeology and archaeologists with extant custodial and affiliated communities

Proposed by Neel Kamal Chapagain (Nepal) and Michael J Kimball (USA), and derived from a WAC-7 session titled “The Past is Living in the Present.”

The archaeological community increasingly engages with local communities through research and educational activities including public outreach. Continue reading…


Cultural heritage: a basic human need

febbraio 25, 2014

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua alternativa. Puoi cliccare sul link per cambiare la lingua attiva.

Sada Mire at TEDx Euston

Sada Mire is a Somalian archaeologist. She lived the first fifteen years of her life in Mogadishu, until 1991, when she settled in Sweden, as a result of the conflict in north-east Africa. She is founder and executive director of the Horn Heritage Organization. In her talk she demonstrates how culture is inseparable with the world around us and how communities can be enriched by it.

Sada participated in our inaugural course on First Aid to Cultural Heritage in Times of Conflict in 2011. She is also spearheading a project in partnership with ICCROM, the Swiss Government and CyArk on the digital recording of rock art in Somaliland.