Approvato l’Appello di Roma per la tutela del patrimonio a rischio

maggio 22, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

Rome Appeal approved for the protection of heritage at riskSi è conclusa con pieno successo la due giorni della Conferenza internazionale “Documentare il Patrimonio a rischio” promossa e organizzata dalla associazione Incontro di Civiltà, presieduta da Francesco Rutelli, con la collaborazione dell’ICCROM.

Con la partecipazione di centinaia di persone, ieri presso Palazzo Poli e oggi nella suggestiva sede dell’Ex-Planetario, si sono confrontati studiosi ed esperti di storia dell’arte, conservazione e nuove tecnologie provenienti da tutta Europa, da Stati Uniti, Cina e diversi paesi arabi, i responsabili dell’UNESCO, dell’ICCROM e delle maggiori organizzazioni internazionali. Al centro, la necessità di individuare un codice universale per la catalogazione dei beni culturali a rischio e l’adozione di immediati impegni per l’intervento nei teatri di guerra, e nei luoghi di emergenze e crisi ambientali, per la messa in sicurezza del patrimonio colpito e per la ricostruzione di ciò che è stato danneggiato o distrutto, in base a rigorosi criteri scientifici. Continue reading…


L’Iran rafforza il suo impegno per il patrimonio

maggio 18, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

Iran strengthens its commitment to heritageL’Organizzazione per il Turismo, l’Artigianato e il Patrimonio culturale dell’Iran (ICHTO) ha annunciato lo stanziamento di 2,4 milioni di dollari a favore della conservazione dei siti di tutto il mondo legati al patrimonio iraniano.

Questo annuncio avviene in seguito a una recente missione in Iran di Stefano De Caro, Direttore generale dell’ICCROM, volta a visitare importanti siti del patrimonio e incontrare funzionari di alto livello.

Sott. De Caro ha visitato l’Iran su invito del Dott. Mohammad Hassan Talebian, Direttore dell’ICHTO e membro del Consiglio dell’ICCROM, che ha favorito le visite ufficiali ad alcuni dei più importanti siti e istituzioni del patrimonio nazionale e ha predisposto la firma di un Memorandum of Understanding (memorandum di intesa), che si è svolta in presenza della Sig.ra. Zahra Ahmadipour, vicepresidente della Repubblica islamica dell’Iran e Presidente dell’ICHTO e Sig. Hadi Hamadi, Direttore del Centro di Ricerche per la Conservazione dei Beni Culturali (RCCCR). Continue reading…


Documentare il nostro patrimonio a rischio

maggio 10, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

Documenting our Heritage at Risk  (Documentare il nostro patrimonio a rischio)

Documenting our Heritage at Risk


Conferenza internazionale, Roma, 19-20 maggio 2017


Documenting our Heritage at Risk

La distruzione deliberata del patrimonio culturale è diventata una componente fondamentale dei conflitti moderni e una tattica di guerra. In questo scenario, la salvaguardia del patrimonio culturale mondiale sta diventando sempre più urgente e necessaria.  È l’identità stessa di un popolo ad essere in gioco, il loro essere, la cultura, la storia, la memoria collettiva e l’eredità futura.

Quando il patrimonio rischia di essere cancellato dalla memoria, la documentazione svolge un ruolo fondamentale, poiché diviene un testamento di quei siti e oggetti di grande importanza per una comunità, orientando anche tutte le azioni future su quel patrimonio. Continue reading…


Museo “Kizhi”, custode delle tradizioni dell’architettura in legno

aprile 27, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

Kizhi Museum: guardian of wooden architecture traditions

Kizhi Museum: guardian of wooden architecture traditionsIl 9 e il 10 maggio all’ Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauroa Roma (ISCR) si terrà una serie di eventi “L’architettura in legno: impariamo dagli antenati, conserviamo per i posteri, insegnamo ai contemporanei”, organizzata dal Museo statale a cielo aperto di storia, architettura ed etnografia “Kizhi”.

Il Museo “Kizhi” è uno dei più grandi musei della Russia, il cui complesso comprende più
di 80 monumenti dell’architettura in legno. La gemma della sua collezione è il Complesso architettonico del pogost di Kizhi, inserito nella lista del Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. Gli esperti del Museo hanno accumulato l’esperienza significativa nel settore della conservazione e del restauro dell’architettura in legno. Al fine di diffondere le conoscenze acquisite presso il Museo è stato fondato il Centro di formazione per la conservazione dei monumenti dell’architettura in legno e è stata avviata la Cattedra dell’UNESCO per lo studio e la tutela dell’architettura lignea. Continue reading…


Agreement between Italy and UNESCO – 60th anniversary

aprile 26, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un’altra lingua disponibile.

Agreement between Italy and UNESCO – 60th anniversary60th anniversary of the signature of the Agreement between Italy and UNESCO for the establishment of ICCROM on Italian territory

The 27th of April marks the 60th anniversary of the signature of the Agreement between Italy and UNESCO regulating the establishment and legal status of ICCROM on the Italian territory.  This signing ceremony took place in Paris on 27 April 1957.

The speech of the Italian Minister of Foreign Affairs, Hon. Amintore Fanfani, supported Italy’s adhesion to the Statute, and the ratification of the Agreement between Italy and UNESCO regulating the establishment and legal status ICCROM on the Italian territory.

The document underlines the relevance for Italy to host the organization at that time, in 1958.

Fanfani’s speech is reproduced here in Italian and English.

SEE ALSO:


Una nuova alleanza europea per il patrimonio culturale

aprile 7, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

E-RIHS LogoDal 29 al 31 marzo scorso, l’ICCROM ha preso parte a una serie di incontri di pianificazione a Firenze, per il progetto E-RIHS per la scienza applicata al patrimonio culturale in collaborazione con il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) e diversi altri partner istituzionali.

E-RIHS è un’infrastruttura di ricerca paneuropea, con laboratori e unità di ricerca riuniti in centri nazionali e regionali, che offre conoscenza, competenza assieme all’uso di una strumentazione all’avanguardia, metodologie di indagine innovative e accesso ai dati scientifici. L’infrastruttura è organizzata su quattro piattaforme principali: un’infrastruttura mobile (Molab), che include una strumentazione portatile per svolgere analisi in-situ (on the spot) non distruttive e non invasive, un’infrastruttura fissa (Fixlab) composta da strumentazione su ampia scala, come sincrotroni o acceleratori, archivi di dati (Archlab) contenenti informazioni uniche e preziose che appartengono a musei, gallerie e istituti di ricerca, e Digilab, per fornire un accesso diretto ai dati scientifici e alle informazioni raccolte nelle banche dati, nelle librerie digitali e nelle risorse di conoscenza esistenti. Continue reading…


RE-ORG in Cile, 2018!

aprile 5, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

RE-ORG in Chile in 2018Il 13 Marzo, oltre 200 professionisti cileni del patrimonio hanno partecipato a una conferenza pubblica tenuta da Gaël de Guichen, intitolata “Los depósitos: lugar prioritario para animar los museos  (I depositi – luogo prioritario per animare i musei) presso il CNCR – Centro Nazionale di Conservazione e Restauro a Santiago, Cile. Questo evento ha segnato l’avvio della strategia nazionale cilena RE-ORG, che si concretizzerà completamente nel periodo 2017-2019. RE-ORG Cile è un’iniziativa congiunta della DIBAM – Direzione di Biblioteche, Archivi e Musei e del CNCR.

Dal 13 al 17 Marzo, sette conservatori del CNCR e tre responsabili della collezione della DIBAM, hanno partecipato al workshop di formazione per mentori RE-ORG, durante il quale hanno appreso le caratteristiche essenziali del metodo RE-ORG, e approfondito le capacità di comunicazione e del lavoro di gruppo. Il workshop si è svolto presso il Museo de la Educación Gabriela Mistral, nel quale 2247 oggetti della collezione (tra cui dipinti, busti, strumenti didattici, attrezzature e arredi scolastici del 1900) sono stati risistemati in tre aree di deposito. L’enfasi posta sul carattere pratico del metodo RE-ORG aumenta notevolmente la fiducia del team e rafforza le capacità organizzative. La prossima fase del progetto comprende la selezione dei musei che parteciperanno al workshop nazionale, la preparazione del programma e della strategia di mentoring. Continue reading…


L’ICCROM al G7 della cultura a Firenze

aprile 3, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

ICCROM at the G7 Culture Meetings in FlorenceIl 30 marzo, il Direttore generale Stefano De Caro ha partecipato al G7 della cultura che si è svolto nella Sala Bianca di Palazzo Pitti, a Firenze. Si tratta del primo vertice sulla cultura, organizzato su iniziativa del Ministro della Cultura, Dario Franceschini.

Il summit ha visto la partecipazione di delegazioni di alto livello, provenienti dai Paesi industrializzati del G7 e da organizzazioni internazionali, che si sono incontrate per uno scambio di opinioni sull’importanza della cultura volta alla promozione di società più stabili e per garantire la diversità e il dialogo. Le stesse hanno inoltre sottolineato il ruolo essenziale della salvaguardia del patrimonio in un mondo in cui la cultura è sempre più bersaglio di attacchi, distruzione e profitti illeciti da parte di attori non statali. Continue reading…


SOIMA networks for world’s audiovisual heritage

marzo 15, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un’altra lingua disponibile.

SOIMA networks for world’s audiovisual heritageCall for International Collaboration to Build Capacity for Safeguarding World’s Audiovisual Heritage

ICCROM’s SOIMA (Sound and Image Collections Conservation) programme was invited to participate in the International Audiovisual Archival Training Summit, organized by the International Federation of Film Archives (FIAF) at the Cinémathèque française in Paris, France on 8 March 2017.  Aparna Tandon, ICCROM’s Project Manager for SOIMA, met with members of leading institutions in the audiovisual field to identify prospective partners for the SOIMA programme and to discover future collaborative capacity-building opportunities.

The audiovisual experts in attendance made plans to develop an overview of shared resources for audiovisual archives, define a set of common principles for cross-institutional collaboration, gather best practices for capacity building, and create a common scholarship fund for all institutions present. Continue reading…


Firmata la convenzione fra l’ICCROM e SUPSI

marzo 13, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

A recommendation on collections in storageIl giorno 31 gennaio 2017, il Direttore Generale dell’ICCROM, Stefano De Caro, ha firmato una convenzione con la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI). A firmare la convenzione per parte della SUPSI sono stati il suo Presidente del Consiglio, Alberto Petruzzella, e il Direttore della SUPSI, Franco Gervasoni.

La convenzione ha come preciso obiettivo quello di avviare una collaborazione fra SUPSI e ICCROM finalizzata ad avvalersi delle reciproche competenze e strutture per lo svolgimento di attività didattiche e di ricerca non solo nell’ambito della conservazione e del restauro, ma anche della conservazione preventiva, della gestione delle collezioni museali e della museotecnica. Continue reading…