First Aid for Cultural Heritage Design Workshop

ottobre 20, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua alternativa. Puoi cliccare sul link per cambiare la lingua attiva.

Designing for Change: International Workshop on First Aid for Cultural Heritage in Times of Crisis

16-20th October 2017

 logos - First Aid for Cultural Heritage Design Workshop

FAC_thumbOn 16-20 October, ICCROM hosted a design workshop on First Aid for Cultural Heritage in Times of Crisis (FAC), organized in partnership with the Smithsonian Institution, USA and the Prince Claus Fund, the Netherlands. Other partner institutions participating include UNESCO, CRAterre (France), Italian Civil Protection, and Ritsumeikan University (Japan).

The design workshop aimed to review the existing First Aid international training, and identify content as well as activities for developing a self sustainable and effective network of cultural first aiders. Using the human centred design approach, the workshop drew on the diverse experiences of former participants, practitioners, and key resource people to:

  1. refine the topics and modes of delivery of the existing First Aid training,
  2. identify contents and teaching strategies for training of trainers,
  3. agree on activities and institutional pre-arrangements for developing a sustainable and functional network of cultural first aiders over the next three years.

The overall aim of the FAC partners is to ensure timely and effective responses for protecting cultural heritage, which are embedded within national and international humanitarian assistance mechanisms.

Initiated in 2010, the first three editions of the FAC international course focused on the protection of cultural heritage in times of conflict, and were supported by the Italian Ministry of Culture. The scope of training was subsequently expanded to include natural disasters, and was offered in 2015 with the support of new partners including the Netherlands National Commission for UNESCO and the Smithsonian Institution. After 5 international courses, 40 shorter versions of the FAC training have been offered in different parts of the world. Of these the Prince Claus Fund has funded 27 workshops in 21 risk prone countries as part of a formal follow-up of the training. This number however, does not include the FAC workshops offered by the ICCROM-ATHAR Centre. The most recent workshop was held in August 2017 in Homs, Syria by a FAC 2016 participant, who also has taught at the ICCROM-ATHAR course held in October 2016.

The collective experience of the training has helped to develop a three step framework for first aid for cultural heritage in complex emergencies, which has been tested in eight natural disasters and three ongoing conflicts. Last year ICCROM in collaboration with UNESCO brought out a handbook on Emergency Evacuation of Endangered Heritage Collections, which received positive review from IIC. It is free for download and is being translated in Arabic, French, Spanish, Turkish, Georgian, Russian, Malay and Japanese. The evacuation handbook was also used by emergency responders during the recent hurricanes that affected the Caribbean and the United States.

This year, the Italian Civil Protection invited ICCROM to lead its regional training and train civil protection teams from six countries using the First Aid framework. The aim was to integrate first aid for cultural heritage into national emergency management systems. The UK and the US military and Interpol have also expressed strong interest in using the FAC methodology to train emergency responders. The design workshop therefore will help to identify training strategies as well as tools for mainstream emergency actors.

SEE ALSO:


UNESCO and ICCROM Join Forces to Protect Cultural Heritage

ottobre 16, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un’altra lingua disponibile.

UNESCO and ICCROM Join ForcesThe United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization (UNESCO) and the International Centre for the Study of the Preservation and Restoration of Cultural Property (ICCROM) signed a landmark agreement on Friday 13 October in a new effort to address mounting threats to cultural properties worldwide.

Under the Memorandum of Understanding (MoU) signed at UNESCO’s Paris headquarters, the two agencies agreed to intensify efforts to implement the 1972 World Heritage Convention. They will also boost cooperation in addressing a number of specific challenges, including destruction of cultural property in armed conflict, disaster risk management, illicit trafficking in heritage objects and new risks to intangible cultural heritage. Continue reading…


ICCROM attends G7 Roma-Lyon Group meeting

ottobre 13, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua alternativa. Puoi cliccare sul link per cambiare la lingua attiva.

Fabrizio Parrulli The second G7 Roma-Lyon Group meeting was held in Rome from 3 to 5 October.  This work group, created under the 2001 G8 Italian Presidency, is run by the law enforcement sector and is devoted to formulating counter-terrorism strategies and combating transnational crimes.

Brigadier General Fabrizio Parrulli, Commander of the Carabinieri Headquarters for the Protection of the Cultural Heritage (TPC), opened the proceedings.

ICCROM participated in the first day’s Expert Group Meeting: “Cultural Heritage, the Mirror of Identity” on cataloguing, collecting and sharing data for the protection of cultural heritage and the art market.

Delegates from the G7 countries and experts from international organizations attending the meeting called for maximum co-operation to end the illicit trafficking of antiquities from Syria, Iraq and beyond.

On the occasion of this meeting, ICCROM’s Director-General, Dr Stefano De Caro, observed, “This important event reaffirms the engagement of the G7 nations in the protection and restoration of cultural heritage endangered by conflicts and natural disasters.  ICCROM welcomes and supports all such international collaboration efforts in favour of protection for cultural heritage and for those charged with stewarding it.” Continue reading…


RE-ORG Nigeria: realizzazione del progetto in tutto il paese

settembre 26, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

RE-ORG Nigeria: project implementation across the countryIl primo workshop RE-ORG mai realizzato in Africa si è svolto presso il museo nazionale di Jos, Nigeria, nel maggio 2017. Al termine dell’evento, i partecipanti di 12 musei di ogni angolo della Nigeria hanno fatto ritorno alle loro rispettive istituzioni per migliorare e portare a termine i loro programmi di riorganizzazione, servendosi del metodo RE-ORG per affrontare i problemi inerenti all’eccessivo concentramento di oggetti e alle cattive condizioni di conservazione nei depositi.

Alla fine di agosto 2017, tutti i 12 musei avevano presentato i propri “Progetti locali” sovvenzionabili fino a un totale massimo di 1.500 dollari americani da destinare alla dotazione di attrezzature e materiali per ampliare le scarse risorse istituzionali e migliorare le conoscenze, le capacità e lo spirito innovativo del personale. Le squadre del progetto Re-Org Nigeria sono costituite da personale del settore della documentazione, da personale amministrativo e curatori, oltre che da elettricisti, carpentieri e agenti di sicurezza. Continue reading…


Japanese Paper Course Closes

settembre 20, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un’altra lingua disponibile.

International Course on Conservation of Japanese Paper, 28 August to 15 September 2017

Japanese Paper Course Closes - Logos

Japanese Paper Course ClosesThe 2017 edition of the JPC-Japanese Paper Conservation course closed in Tokyo on 15 September. This highly specialized three-week event was held from 28 August to 15 September 2017.

The course aims to offer a holistic knowledge and experience of Japanese paper and Japanese traditional conservation approaches and techniques to ten conservation professionals coming from a range of Member States.

A mix of lectures, demonstrations and practical sessions presented an insight into the techniques of the Japanese paper-mounting tradition, along with materials such as Japanese paper, adhesives including wheat starch paste, and the principles guiding the care of such collections in Japan. The practical sessions were conducted by instructors from a certified group holding the Selected Conservation Techniques on “Restoration Techniques of Mounting.” Continue reading…


Management and Monitoring of World Heritage Sites in China

agosto 30, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un’altra lingua disponibile.

Management and Monitoring of World Heritage Sites in China

Course on Management and Monitoring of World Heritage Sites with special reference to China, 14-25 August 2017

Management and Monitoring of World Heritage Sites in ChinaThe cultural landscape of Honghe Hani Rice Terraces in China was the site of the just-completed Course on Management and Monitoring of World Heritage Sites with special reference to China.  Nineteen participants from ten countries attended the ten-day course to learn about current thinking, trends and approaches to management of cultural World Heritage properties, focusing particularly on monitoring.

The Honghe Hani Rice Terraces, located in Yunnan, China, are the home of the Hani ethnic group who have maintained this historic agricultural landscape over many centuries. The course constituted an intensive programme combining both theory and practice, through lectures, case studies and highly interactive practical exercises centring on the management of this important cultural landscape. Continue reading…


ICCROM alla cerimonia d’inaugurazione del Presidente dell’Iran

agosto 18, 2017

ICCROM at the inauguration ceremony of Iran’s PresidentIl 5 agosto, il Direttore generale dell’ICCROM, il dott. Stefano De Caro, ha avuto l’onore di partecipare alla cerimonia d’inaugurazione di Hassan Rouhani per il suo secondo mandato come Presidente della Repubblica islamica dell’Iran. La presenza di De Caro è avvenuta su invito del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Islamica dell’Iran, attraverso la sua Ambasciata a Roma.

“L’Iran presenta un’imponente ricchezza di patrimonio culturale in termini di magnifiche moschee e monumenti, città storiche, siti archeologici e una cultura ricca e variegata. Sono ben consapevole degli straordinari sforzi che l’Iran fa per preservare e condividere il suo patrimonio”, ha dichiarato De Caro in occasione dell’evento. “Mi congratulo con il Presidente Rouhani per la sua rielezione e il suo impegno verso l’apertura e il dialogo internazionale”.

L’8 agosto, Hassan Rouhani ha scritto su Twitter: “È stato bello ospitare dei dignitari di 105 paesi e degli OI nella sede della nostra democrazia per celebrare la scelta democratica del nostro popolo per il coinvolgimento”.

L’Iran è stato uno Stato membro dell’ICCROM dal 1972. È un partner forte nelle attività internazionali dell’ICCROM per la conservazione del patrimonio culturale che copre aspetti sia tangibili che immateriali, e sostiene in più le attività di numerose altre organizzazioni internazionali (OI).

L’evento è stato inoltre l’occasione per il Direttore generale di incontrare il sig. Mohammad Hassan Talebian, Direttore dell’organizzazione iraniana per il patrimonio culturale, l’artigianato ed il turismo (ICHTO) e membro del Consiglio dell’ICCROM.

VEDI ANCHE:


L’ICCROM ospita una riunione bilaterale tra Myanmar e Italia

giugno 21, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

Myanmar-Italy meeting and seminarIn occasione della visita a Roma del Primo Ministro della Regione di Yangon, Mr U Phyo Min Thein e a seguito della richiesta dell’Associazione ITALIA-BIRMANIA.INSIEME, l’ICCROM ha ospitato il 21 giugno un seminario sul tema: “Conservazione integrata dei patrimoni urbani e città inclusive e intelligenti. Possibili sinergie tra Italia e Myanmar: il laboratorio di Yangon.”

La Regione di Yangon, ex capitale del Myanmar, è al centro di un rapidissimo processo d’inurbamento che comporta gravi problemi di speculazione immobiliare (da qui ai prossimi 10 anni dovrebbe raggiungere una popolazione di oltre 11 milioni di persone), una minaccia molto grave per l’importante patrimonio architettonico risalente al periodo della colonizzazione britannica. Inoltre è volontà delle autorità birmane lanciare una politica museale e di valorizzazione dei siti culturali che sostenga lo sviluppo turistico. Le istituzioni locali e nazionali dovranno pertanto affrontare una serie d’importanti sfide sul piano politico, sociale e finanziario per  avviare una programmazione strategica per la gestione dei cambiamenti che unisca pianificazione urbana, sviluppo e conservazione, evitando i pesanti errori compiuti da altri paesi della regione asiatica. Continue reading…


RE-ORG Nigeria in azione al Museo di Jos

maggio 30, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

RE-ORG Nigeria in action at the Jos MuseumIl giorno dopo l’emozionante celebrazione della Giornata Internazionale del Museo, i professionisti nigeriani provenienti da dieci musei nazionali e da due musei universitari si sono riuniti a Jos per partecipare a un workshop RE-ORG di due settimane presso il Museo di Jos. Quest’attività rappresenta il fulcro del programma RE-ORG Nigeria, un’iniziativa congiunta della Commissione Nazionale per i Musei e i Monumenti, l’Università Ahmadu Bello e l’ICCROM, generosamente finanziata dai Fondi degli ambasciatori americani per la conservazione culturale.

Il Museo di Jos, il più antico della Nigeria, possiede una delle collezioni più importanti del paese, e ha mostrato una crescita considerevole negli ultimi trent’anni. Tra i 22 000 oggetti presenti in magazzino, più di 4000 oggetti, tra cui un’eccezionale raccolta di figure Nok, sovraffollano attualmente i corridoi di deposito e necessitano di uno spazio di archiviazione adeguato. Inoltre, per razionalizzare i flussi di lavoro, tutto il magazzino, le sezioni di deposito dedicate all’archeologia e all’etnografia, le sale per la documentazione, la conservazione e altre aree di supporto, sono inclusi nel progetto di riorganizzazione. Continue reading…


PROMEDHE – Workshop della Protezione Civile Italiana

maggio 26, 2017

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in Inglese e Francese. Per ragioni di convenienza del visitatore, il contenuto è mostrato sotto nella lingua principale di questo sito. Puoi cliccare su uno dei links per cambiare la lingua del sito in un'altra lingua disponibile.

PROMEDHE - Italian Civil Protection WorkshopImmediatamente dopo un’emergenza su vasta scala, la priorità principale è quella di salvare vite e ripristinare la comunicazione e l’accesso alle risorse vitali. A seconda dell’emergenza, la protezione civile svolge un ruolo fondamentale nel coordinamento degli interventi di emergenza.

Considerando il loro ruolo di operatori di primo soccorso, è possibile che le autorità della protezione civile nazionale amplino le proprie funzioni per includere il coordinamento della salvaguardia del patrimonio culturale durante un’emergenza?

Il Dipartimento Italiano della Protezione Civile (o Protezione Civile) ritiene sia possibile, avendo lavorato per assicurare e recuperare il patrimonio culturale in occasione di numerose emergenze che hanno colpito il paese negli ultimi 20 anni, tra cui i terremoti del 2016-2017 in Italia centrale. Continue reading…