Centro internazionale di studi
per la conservazione ed il
restauro dei beni culturali
L'ICCROM e l'Italia

L'ICCROM e l'Italia

L’accordo siglato tra l’UNESCO e l’Italia il 27 aprile 1957 ha stabilito la sede di una nuova organizzazione: l’ICCROM. Da allora, sono trascorsi sessant’anni e il dialogo con il suo paese ospitante è probabilmente più importante ora di quanto non lo sia mai stato.

Attualmente l’Italia riveste sempre più un ruolo guida nella protezione del patrimonio culturale a livello internazionale, ruolo che si è concretizzato nei molteplici sviluppi diplomatici e umanitari. Questo aspetto della politica estera e della diplomazia culturale è al contempo la ragion d’essere e il motivo dell’ubicazione dell’ICCROM in Italia. Gli anni recenti stati ricchi di opportunità di collaborazione tra l’ICCROM e il suo paese ospitante su queste tematiche fondamentali.

L’Italia è profondamente impegnata nella protezione del patrimonio e il suo forte impegno nella regione mediterranea è uno dei poli principali della sua politica internazionale. Per questa ragione, sostiene le nazioni nel Mediterraneo, direttamente e mediante il coordinamento, attraverso l’assistenza umanitaria e lo sviluppo delle competenze. Le sue iniziative, spesso intraprese in congiunzione alle attività dell’ICCROM, mirano ad un impatto positivo sia sul livello regionale in Africa, nel Medio Oriente, e nel Sudest dell’Europa, che sul livello internazionale.  Dato il focus strategico sulla preparazione alle calamità, l’ICCROM per la sua parte ha sfruttato la sua lunga cooperazione con il Giappone per dare visibilità agli interventi di salvataggio del patrimonio culturale danneggiato nei numerosi terremoti che hanno recentemente colpito l’Italia centrale.

Nei 60 anni di presenza dell’ICCROM in Italia, il quadro di collaborazione si è evoluto notevolmente. Nata all’indomani della Seconda guerra mondiale, nei primi anni di attività, l’ICCROM è stata chiamata ad affrontare i problemi della ricostruzione post-bellica, tema fortemente sostenuto dalle istituzioni italiane. All’inizio degli anni '60, l’ICCROM ha contribuito a varie campagne internazionali in cui l’Italia si è distinta come forza trainante (il recupero dall’alluvione di Firenze, il trasferimento di Abu Simbel e altre iniziative). Negli ultimi anni, in considerazione del rafforzamento della diplomazia culturale dell’Italia oltre i confini, l’ICCROM ha offerto una piattaforma ideale per lo sviluppo di iniziative comuni a livello mondiale, affrontando al meglio la crescente complessità delle tematiche proposte dal patrimonio culturale.

 

Ultime notizie

 

L’edizione 2018 di Green Lab presenterà soluzioni e metodi green già maturi per il restauro sostenibile o in fase di trasferimento. L’obiettivo del laboratorio è l’approfondimento dei materiali e dei metodi da parte dei professionisti, in particolare dei restauratori, al fine di: osservare dal vivo l’applicabilità, l’efficienza e l’efficacia delle soluzioni presentate; discutere i vantaggi e le limitazioni insieme agli sviluppatori.

Il 25 ottobre scorso il Ministero Italiano degli Affari Esteri e per la Cooperazione Internazionale, altrimenti noto come Farnesina, ha tenuto una conferenza sulla cooperazione tra Italia e Africa. Si è trattato della seconda di una serie di conferenze sul tema organizzate dalla Farnesina, la prima delle quali si è tenuta nel 2016.

Quest'anno l'ICCROM ha vinto il Gold Award, categoria Fast Delivery del premio annuale SAP per la qualità. Questo premio annuale viene assegnato alle imprese ed altre organizzazioni per l'eccellenza nell'introduzione di sistemi d'informazione. I premi sono stati consegnati a Milano giovedì 18 ottobre dai dirigenti di SAP durante l'evento SAP NOW. Il Gold SAP Quality Award è stato consegnato a Sophy Janowski, Direttrice amministrativa e finanziaria dell'ICCROM che ha ritirato il premio a nome del Direttore Generale dell'ICCROM, il dott. Webber Ndoro.

L'attività di collegamento in rete degli organi consultivi ha permesso agli esperti degli organi consultivi coinvolti nelle missioni di valutazione e monitoraggio dei vari siti, di condividere le conoscenze e le idee più recenti in materia di gestione efficace del patrimonio, che potrebbero essere applicate nelle loro missioni. Ha inoltre offerto l'opportunità ai professionisti della natura e della cultura di mettere in rete e condividere idee sulla gestione efficace del patrimonio.

Dal 19 al 21 giugno l'ICCROM ha partecipato a un'esercitazione sulla simulazione di catastrofi per il recupero del patrimonio culturale, svoltasi a Lucca. L'esercitazione era parte di un'iniziativa pluriennale organizzata dal Dipartimento della Protezione Civile Italiano nell'ambito di PROMEDHE, un progetto finanziato dall'UE a cui hanno partecipato anche le autorità di protezione civile di Cipro, Israele, Giordania e Palestina.