Centro internazionale di studi
per la conservazione ed il
restauro dei beni culturali

Strategia di sviluppo delle capacità nell’ambito del Patrimonio Mondiale

Il lavoro per una nuova strategia di sviluppo delle capacità nell’ambito del Patrimonio Mondiale è iniziato nel 2009 con il sostegno del governo svizzero.

Le ricerche preliminari hanno chiarito l’esistenza di due cambiamenti radicali: il primo consiste nello spostamento dell’attenzione dalla formazione allo sviluppo delle capacità. Oltre a migliorare le competenze e le abilità dei professionisti, è stato necessario migliorare le capacità istituzionali e creare rapporti più attivi con le comunità, ampliando il pubblico destinatario per includere non solo i professionisti, ma anche le istituzioni, le comunità e le reti. Ognuno di essi ha esigenze di apprendimento diverse, svolgendo ruoli diversi nel processo di conservazione.

Il secondo grande cambiamento è stato la comprensione del fatto che i settori della cultura e della natura devono collaborare più da vicino nel contesto della Convenzione del Patrimonio Mondiale. Mentre la Convenzione include entrambi i tipi di patrimonio, concretamente non sono stati compiuti grandi sforzi per creare opportunità per apprendere gli uni dagli altri.

La strategia di sviluppo delle capacità nell’ambito del Patrimonio Mondiale, approvata in occasione della 35ª sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale a Parigi, si è concentrata sullo sviluppo delle capacità riguardo alla credibilità della Lista del Patrimonio Mondiale, migliorando la comunicazione e la pratica di conservazione e portando la comunità nei processi del Patrimonio Mondiale. La strategia include tre livelli di attuazione. Sono previste attività a livello regionale e internazionale e i singoli Stati parti sono invitati a sviluppare strategie nazionali di sviluppo delle capacità per soddisfare le loro esigenze specifiche. La strategia è attuata utilizzando una varietà di “fornitori” in materia di sviluppo delle capacità a livello locale, nazionale, regionale e internazionale. Anche le strategie regionali devono essere sviluppate dai Centri di Categoria 2 dell’UNESCO situati in varie regioni. La strategia richiede inoltre la creazione di materiali in molte lingue, per promuoverne l’uso da parte dei professionisti e delle comunità locali.

A livello internazionale, l’ICCROM, gli altri organi consultivi e il Centro del Patrimonio Mondiale hanno sviluppato delle attività per la realizzazione di parti della strategia che includono workshop di formazione regionale sugli aspetti della Convenzione del Patrimonio Mondiale, svolti per aumentare il numero di esperti regionali che partecipano alle missioni relative al Patrimonio Mondiale degli organi consultivi. In questo modo, le reti degli organi consultivi sono state rafforzate. I partecipanti così formati vengono successivamente inviati in missioni di valutazione e di monitoraggio reattivo. 

I materiali di riferimento principali sono tradotti in più lingue. Tutti i manuali di riferimento sono stati tradotti in inglese, francese e spagnolo, mentre le risorse selezionate sono attualmente in arabo, portoghese, tedesco e russo.