Centro internazionale di studi
per la conservazione ed il
restauro dei beni culturali
Partenariati

Partenariati

La forza dell’ICCROM è nel suo network

L’ICCROM può contare su una vasta gamma di partner per implementare i suoi programmi e compiere la sua missione. Per più di 60 anni, abbiamo instaurato relazioni bilaterali e multilaterali efficaci con governi, agenzie di sviluppo, organizzazioni internazionali, fondazioni, ONG, istituti di ricerca, università e altri istituti di istruzione.

Nel 2020, abbiamo lavorato con più di 200 partner donatori, operativi e strategici per promuovere la conservazione di tutte le forme di patrimonio culturale nel mondo.

Rafforzando la nostra rete di partner a livello globale, regionale e nazionale, il nostro obiettivo è garantire risultati migliori per le istituzioni e i professionisti del patrimonio culturale, attraverso una combinazione reciprocamente vantaggiosa di competenze e risorse.

I nostri partenariati aiutano anche a garantire la nostra partecipazione ai forum e ai processi di valorizzazione e gestione del patrimonio culturale, permettendoci di stringere alleanze strategiche, definire al meglio le priorità globali e rimanere aggiornati sulle migliori pratiche nella conservazione del patrimonio.

«I nostri partner, insieme ai nostri 137 Stati Membri, sono la forza vitale dell'Organizzazione e siamo grati per i molti modi in cui collaboriamo. [...] Insieme ce la faremo».        

Webber Ndoro, Direttore generale dell’ICCROM

 

Dicono di noi

British Council

«Grazie ICCROM per il vostro aiuto esperto e la guida nella gestione e svolgimento del progetto “Musei comunitari del Sudan occidentale (Fase I e Fase II)” in questi ultimi tre anni. Siamo giunti alle fasi finali di ristrutturazione e allestimento, e i musei comunitari del Sudan occidentale stanno già suscitando interesse ed entusiasmo all'interno delle loro comunità a Khartoum, Darfur e Kordofan Meridionale. Grazie alla capacità di riunire persone di diverse culture e provenienze, di coinvolgerle in attività culturali e di mettere insieme programmi educativi e di apprendimento, i musei offrono molto di più dei musei tradizionali. Sono spazi vivi e dinamici e possono potenzialmente contribuire ai processi di pace nelle zone di conflitto più delicate».
- Robin Davies, Direttore nazionale, British Council, Sudan

 

 

Cultural Environment Department of the Norwegian Ministry of Climate and Environment

«Nella gestione del programma di capacity building “Leadership del patrimonio mondiale” in collaborazione con IUCN, l'esperienza dell’ICCROM sul patrimonio culturale aiuta a garantire il successo del programma e contribuisce all'impegno condiviso dei partner del programma verso lo sviluppo di competenze per il patrimonio naturale e culturale ».
- Aleksandra Einen, Consulente senior, Dipartimento dell'ambiente culturale del Ministero norvegese del clima e dell'ambiente

 

 

ALIPH

«Le crisi del 2020 hanno sottolineato quanto sia importante adottare un approccio alla protezione del patrimonio incentrato sulle persone. Questo è stato al centro di tutti i programmi che abbiamo istituito con l’ICCROM l'anno scorso, anche attraverso il lancio del nostro piano d'azione COVID-19. Siamo orgogliosi di come la nostra collaborazione con l’ICCROM stia contribuendo a formare le nuove generazioni di professionisti provenienti da paesi in conflitto e post-conflitto, dando impulso a nuove iniziative di protezione del patrimonio attraverso sovvenzioni di avviamento».
 - Valéry Freland, Direttore esecutivo, ALIPH