La forza dell’ICCROM è nel suo network

L’ICCROM può contare su una vasta gamma di partner per implementare i suoi programmi e compiere la sua missione. Per più di 60 anni, abbiamo instaurato relazioni bilaterali e multilaterali efficaci con governi, agenzie di sviluppo, organizzazioni internazionali, fondazioni, ONG, istituti di ricerca, università e altri istituti di istruzione.

Nel 2021, abbiamo lavorato con quasi 400 partner donatori, operativi, strategici e network per promuovere la conservazione di tutte le forme di patrimonio culturale nel mondo.

Rafforzando la nostra rete di partner a livello globale, regionale e nazionale, il nostro obiettivo è garantire risultati migliori per le istituzioni e i professionisti del patrimonio culturale, attraverso una combinazione reciprocamente vantaggiosa di competenze e risorse.

I nostri partenariati aiutano anche a garantire la nostra partecipazione ai forum e ai processi di valorizzazione e gestione del patrimonio culturale, permettendoci di stringere alleanze strategiche, definire al meglio le priorità globali e rimanere aggiornati sulle migliori pratiche nella conservazione del patrimonio.

"Siamo felici di accogliere nella famiglia ICCROM le centinaia di nuovi partner che abbiamo coinvolto nel 2021 e salutiamo le organizzazioni che lavorano con noi da lungo tempo o che hanno rinnovato il loro impegno. Apprezziamo molto le nostre partnership e la nostra visione condivisa a favore della promozione e conservazione del patrimonio culturale per il futuro. Con i nostri 60 anni di storia e di esperienza, e grazie alla nostra rete globale in espansione, possiamo affermare di essere davvero "l’ICCROM che cresce".

Dicono di noi

ALIPH

"Le crisi del 2020 hanno sottolineato quanto sia importante adottare un approccio alla protezione del patrimonio incentrato sulle persone. Questo è stato al centro di tutti i programmi che abbiamo istituito con l’ICCROM l'anno scorso, anche attraverso il lancio del nostro piano d'azione COVID-19. Siamo orgogliosi di come la nostra collaborazione con l’ICCROM stia contribuendo a formare le nuove generazioni di professionisti provenienti da paesi in conflitto e post-conflitto, dando impulso a nuove iniziative di protezione del patrimonio attraverso sovvenzioni di avviamento."

- Valéry Freland, Direttore esecutivo, ALIPH

Athabasca logo"La Facoltà di Scienze Umanistiche e Sociali (FHSS) dell'Università di Athabasca è molto lieta di aver co-organizzato e ospitato con successo la Summer School internazionale ICCROM 2022, che ha riunito voci affermate ed emergenti nel campo dell'educazione e della formazione alla conservazione del patrimonio culturale provenienti da tutto il mondo... gli insegnamenti culturali indigeni e le significative conversazioni condotte dal Nukskahtowin centre e dalla “Elder-in-Residence” della UA, la Dott.ssa Maria Campbell, hanno arricchito in particolare il programma culturalmente inclusivo."

- Manijeh Mannani, Preside della Facoltà di Scienze Umanistichemane e Sociali dell'Università di Athabasca.

 

British Council

"Grazie ICCROM per il vostro aiuto esperto e la guida nella gestione e svolgimento del progetto “Musei comunitari del Sudan occidentale (Fase I e Fase II)” in questi ultimi tre anni. Siamo giunti alle fasi finali di ristrutturazione e allestimento, e i musei comunitari del Sudan occidentale stanno già suscitando interesse ed entusiasmo all'interno delle loro comunità a Khartoum, Darfur e Kordofan Meridionale. Grazie alla capacità di riunire persone di diverse culture e provenienze, di coinvolgerle in attività culturali e di mettere insieme programmi educativi e di apprendimento, i musei offrono molto di più dei musei tradizionali. Sono spazi vivi e dinamici e possono potenzialmente contribuire ai processi di pace nelle zone di conflitto più delicate."

- Robin Davies, Direttore nazionale, British Council, Sudan

 

“L’Istituto Canadese di Conservazione (Canadian Conservation Institute) è orgoglioso di aver collaborato con l'ICCROM, il Getty Conservation Institute e l'ICOMOS per aggiornare e rilanciare il database bibliografico del Conservation Information Network (BCIN). Il BCIN fornisce fonti di riferimento autorevoli per supportare il lavoro di restauratori, ricercatori e della comunità del patrimonio culturale. La direzione e gestione di questa iniziativa da parte dell'ICCROM hanno contribuito a garantire che questo database unico di letteratura sulla conservazione continui ad essere liberamente accessibile a tutti. Inoltre, l'impegno attivo dell'ICCROM nel cercare di espandere la rete di partner coinvolti nel BCIN promette un futuro ancora più brillante per questo strumento di ricerca essenziale."

- Finbarr Healy, Bibliotecario, Istituto Canadese di Conservazione 

 

“Siamo molto soddisfatti della collaborazione che portiamo avanti con l'ICCROM ormai da diversi anni, in particolare nel 2017, quando abbiamo lavorato insieme in modo più formale alla traduzione in portoghese e spagnolo della Guida alla gestione dei rischi per il patrimonio museale e del metodo RE-ORG. Abbiamo unito le forze anche a favore della formazione su temi come la gestione del rischio, la conservazione preventiva e la valutazione delle collezioni. La nostra sfida più recente è volta ad identificare i rischi che riguardano i musei iberoamericani. Questa cooperazione ha permesso, tra l'altro, di diffondere la conoscenza e rafforzare i nostri legami a favore della tutela del nostro patrimonio. Per tutti questi motivi, siamo molto interessati a fare in modo che la nostra collaborazione duri nel tempo e diventi più forte."

- Alan Trampe Torrejón, Presidente del Programma Ibermuseos, Vice Direttore Nazionale dei Musei, Cile 

 

"Abbiamo lavorato con l'ICCROM per collegare la conservazione della cultura con quella della natura e per realizzare il Programma di Leadership del Patrimonio Mondiale. Uno dei punti salienti è stata la creazione della Comunità Natura-Cultura PANORAMA, una rete di apprendimento vivente ricca di casi studio e di metodi efficaci. Le diverse esperienze, raccolte grazie al lavoro di sviluppo delle capacità dell'ICCROM, sono fondamentali per migliorare la comprensione dei legami tra la conservazione del patrimonio naturale e di quello culturale, consentendo al contempo l'apprendimento e lo scambio di conoscenze tra i vari settori. Siamo lieti di collaborare con l'ICCROM per continuare a promuovere le Soluzioni PANORAMA per un pianeta sano."

– Tim Badman, Responsabile Patrimonio, Cultura e Gioventù, IUCN

 

“[...] Vorrei ringraziare molto per il supporto che abbiamo ricevuto dall’ICCROM, attraverso la sua partecipazione nel comitato istituzionale e le sue iniziative nella gestione dei rischi dell’istituto, che è davvero importante per il futuro del Museo Nazionale [...].”

- Alexander Kellner, Direttore del Museo Nazionale, Brasile 

 

Cultural Environment Department of the Norwegian Ministry of Climate and Environment

"Nella gestione del programma di capacity building “Leadership del patrimonio mondiale” in collaborazione con IUCN, l'esperienza dell’ICCROM sul patrimonio culturale aiuta a garantire il successo del programma e contribuisce all'impegno condiviso dei partner del programma verso lo sviluppo di competenze per il patrimonio naturale e culturale."

- Aleksandra Einen, Consulente senior, Dipartimento dell'ambiente culturale del Ministero norvegese del clima e dell'ambiente

 

“Il lavoro dell'ICCROM in America Latina e nei Caraibi ha avuto un grande impatto, non solo per gli anni dedicati a lavorare sulla conservazione in tutto il mondo, ma anche per le aree di lavoro che hanno a che fare con lo sviluppo di competenze e la formazione di molti professionisti, che hanno beneficiato dei corsi dell’ICCROM, così come per lo sviluppo di strumenti scientifici e tecnici, che hanno cambiato sotto molti aspetti il modo in cui vediamo la conservazione del patrimonio culturale, tra cui, ovviamente, la gestione dei rischi e RE-ORG; in sintesi, una serie di risorse tecniche che servono a cambiare il lavoro quotidiano dei professionisti della regione. Il lavoro dell'ICCROM è importante anche perché si concentra sulla collaborazione e partecipazione, sulla creazione di alleanze regionali attraverso programmi come LATAM, lanciato nel 2008, ma anche su iniziative specifiche in ogni paese o gruppo di paesi. Credo fermamente che l'ICCROM abbia svolto un ruolo essenziale nel garantire e migliorare le condizioni per la conservazione delle nostre collezioni, dei nostri archivi e del nostro patrimonio culturale per il futuro."

- David Cohen, Professore Associato, Università delle Ande, Colombia