Centro internazionale di studi
per la conservazione ed il
restauro dei beni culturali
Notizie


Il 18 marzo, l’ICCROM ha tenuto la sua prima riunione informativa virtuale per i rappresentanti dei suoi Stati membri con sede a Roma. Tale evento nasce dal desiderio dell’ICCROM di migliorare l'impegno con i suoi Stati membri e di informare le ambasciate locali del suo lavoro.

La direttrice del Louvre-Lens ed ex presidente del Consiglio dell’ICCROM ha ricevuto la Legion d'Onore, il più alto ordine al merito francese istituito nel 1802 da Napoleone Bonaparte.

Dominato dalla pandemia da COVID-19, l'anno 2020 ha segnato la genesi del Programma FAR - Primo soccorso e resilienza per il patrimonio culturale in tempi di crisi - un programma di punta dell’ICCROM che intende salvaguardare il patrimonio, le comunità associate e ridurre i rischi di catastrofi e conflitti.

Ending civil-strife and sustaining peace is a global priority, as articulated in the UN Sustainable Development Agenda 2030, through its Goal 16. History, however, points to a different reality: nearly half of all peace agreements signed since the second half of the 20th century have resulted in conflict relapse.

L’ICCROM e la Swedish Postcode Foundation sono lieti di annunciare la pubblicazione di A Story of Change - Success Stories and Lessons Learnt from the Culture Cannot Wait: Heritage for Peace and Resilience Project (Una storia di cambiamento - Storie di successo e lezioni apprese dal progetto La cultura non può attendere: il patrimonio culturale per la pace e la resilienza), ora disponibile per il download gratuito.

Applicato con successo dagli esperti ICCROM nei depositi di musei internazionali, il Metodo RE-ORG è proposto per la prima volta in Italia, su scala regionale, per le specifiche esigenze dei musei dell’Emilia-Romagna. In collaborazione con il Servizio Beni Culturali della Regione Emilia-Romagna, ex IBC, ICCROM organizza un corso di formazione online sulla riorganizzazione dei depositi museali per i professionisti dei musei della regione. La partecipazione è aperta a 10 musei.

Per avviare il programma, l’ICCROM ha recentemente svolto una missione di preparazione a Mosul ed Erbil dal 28 febbraio al 6 marzo 2021. Nazzareno Todini, funzionario amministrativo e Rohit Jigyasu, responsabile di progetto, hanno preso parte a questa missione tramite incontri esplorativi con potenziali partner per stabilire relazioni con le controparti governative ed universitarie a Erbil e Mosul, e valutare le sfide operative e le opportunità allo scopo di istituire una base per le attività di formazione a Mosul.

I programmi Primo soccorso e Resilienza e CollAsia dell’ICCROM uniscono le forze per apportare idee per l'azione attraverso l'apprendimento collaborativo online.

In seguito al conseguimento dei diplomi in Ingegneria elettronica e fisica nucleare, Hugo Houben intraprenderà presto un altro percorso, più in linea con i suoi impegni etici. A 28 anni, risponde alla richiesta di partecipare alla costruzione di un borgo popolare in Algeria.

Negli ultimi anni, il sud-est asiatico è stato colpito da disastri imprevedibili causati da pericoli naturali, quali inondazioni, tsunami, terremoti, incendi e tempeste tropicali. La regione ospita forme di patrimonio culturale rilevanti e dal valore inestimabile, spaziando daltangibile, come collezioni museali e archivistiche, monumenti antichi, siti archeologici,all’intangibile: costumi, musica, artigianato e stili di vita tradizionali. Se talvolta i danni possono essere estesi e a volte irreversibili, esistono sono modi in cui possiamo mitigare i rischi, costruire la resilienza e adattarci alle realtà in continuo mutamento. In questo spirito, il secondo workshop di formazione sulla gestione del rischio di disastri per il patrimonio culturale nel sud-est asiatico ha preso il via con una sessione inaugurale tenutasi il 4 febbraio 2021.