Centro internazionale di studi
per la conservazione ed il
restauro dei beni culturali
Terremoti come patrimonio, esempi dal…

Terremoti come patrimonio, esempi dal Giappone

Earthquake as Heritage – examples from Japan

I terremoti sono eventi dirompenti che troppo spesso hanno conseguenze devastanti. Lasciano le loro tracce sui paesaggi e sugli edifici, influenzano la vita di chi li vive e possono essere eventi traumatici per queste stesse persone. Ma cosa rappresentano i terremoti nella storia e nella società giapponese, al di là di queste connotazioni negative? Quali sono i segni che i terremoti hanno lasciato al patrimonio culturale del Giappone?

L'11 marzo ricorre il settimo anniversario del terremoto di Tohoku e dello tsunami del 2011, mentre il 14 aprile ricorre il secondo anniversario del terremoto di Kumamoto del 2016. Questi eventi sismici hanno provocato ingenti danni nelle regioni in cui si sono verificati, anche al patrimonio costruito. Sono stati compiuti sforzi significativi per il loro recupero, che sono tuttora in corso.

 

Castelli

Il castello di Kumamoto, un simbolo importante per la comunità locale, ha subito alcuni dei danni più gravi a seguito del terremoto di Kumamoto. L'accartocciamento delle basi in pietra ha fatto crollare gli edifici soprastanti.

I castelli storici sono spesso danneggiati dai numerosi terremoti che hanno colpito il Giappone. Ad esempio, il castello di Maruoka crollò nel terremoto di Fukui del 1948. Dopo il suo crollo, il castello è stato ricostruito utilizzando il più possibile elementi originali ed è quindi considerato ancora oggi un bene culturale.

L'estremo rischio di terremoto per le proprietà storiche in Giappone significa che molti progetti di contromisure sismiche sono in fase di sviluppo per i castelli. Questi progetti prevedono test strutturali e analisi numeriche, condotte per rivelare i punti deboli strutturali del castello. In base ai risultati, l'armatura sismica può essere realizzata solo per lo stretto necessario, rispettando al contempo la struttura originale. È il caso del castello di Himeji, dichiarato Patrimonio dell'Umanità.

La maggior parte dei castelli giapponesi sono stati costruiti tra la seconda metà del 16° e la prima metà del 17° secolo, periodo noto anche come l'età degli Stati Combattenti in Giappone. Questo periodo è celebre per le sue molte guerre e terremoti. I generali samurai che ordinavano la costruzione di un castello, si concentravano sul suo sistema e aspetto difensivo, in quanto doveva servire come fortezza di guerra e simbolo del potere, e altresì sulle prestazioni sismiche del castello, visti i numerosi terremoti di quel periodo.

 

Pesce Gatto

Earthquake as Heritage – examples from Japan

In quel periodo storico, era credenza comune in Giappone che i terremoti fossero causati da pesci gatto giganti che vivevano e si muovevano sotto terra. Un famoso generale samurai del periodo degli Stati Combattenti, Hideyoshi Toyotomi, scrisse una lettera in cui ordinava ai suoi servi di costruire il suo castello tenendo in considerazione il "pesce gatto". Questa lettera è la più antica testimonianza del fatto che il popolo giapponese ritenesse il pesce gatto fautore dei terremoti. Nonostante la lettera del generale, il suo castello crollò a causa di un terremoto nel 1596, subito dopo la sua costruzione.

Anche alcune stampe xilografiche rappresentano l'associazione tra terremoti e pesci gatto in Giappone. Dopo il terremoto di Edo del 1855, una stampa raffigurava i residenti di Tokyo che si arrabbiavano con il pesce gatto. Un'altra stampa raffigura il dio della prevenzione dei terremoti che uccide il pesce gatto, mentre altri pesci gatto si scusano con il dio. Un'altra stampa satirica raffigura falegnami, che tipicamente dopo i terremoti lavorano molto, che ringraziano il pesce gatto e se ne curano con un delizioso pasto.

 

 

Edifici Storici

Non solo dipinti, ma anche documenti storici, tracce di danni e persino l'aspetto degli edifici trasmettono la memoria dei terremoti del passato. Un documento redatto dai monaci mostra il danneggiamento della pagoda a tre piani del tempio buddista Yakushi-ji di Nara, a seguito del terremoto del 1854, che lasciò la parte superiore della pagoda inclinata. Secondo il documento, la pagoda inclinata è stata raddrizzata in posizione verticale e le parti danneggiate sono state riparate due anni dopo il terremoto. Nikorai-do, una chiesa ortodossa di Tokyo, originariamente progettata e costruita nel 1891 da un famoso architetto inglese, è stata gravemente danneggiata dal terremoto del 1923. Dopo il terremoto è stata ridisegnata da un architetto giapponese e ricostruita tenendo conto della resistenza sismica. Mentre l'architetto giapponese ha ridotto l'altezza della torre, l'aspetto attuale della chiesa può essere considerato il risultato di quel terremoto.

 

Faglie

Earthquake as Heritage – examples from Japan

I terremoti non solo causano danni, ma possono anche produrre faglie geologiche. Il terremoto di Kumamoto del 2016 ha prodotto molte faglie. Nel novembre 2017, queste faglie sono state classificate come monumento naturale. Tre siti sono stati selezionati dopo lunghi esami e discussioni con la partecipazione di esperti, comunità locali e governo. Sebbene sia in preparazione un piano dettagliato per la conservazione e la gestione dei siti, gli aspetti materiali e immateriali, come le leggende sul terremoto, saranno preservati per non perdere la memoria del terremoto.

Esistono altri siti sismici in Giappone che sono stati designati come monumenti naturali. Ad esempio, una faglia causata dal terremoto di Nobi del 1891 è stata preservata con una pensilina. Un siluro esposto in un museo durante il terremoto di Kitaizu del 1930 conserva ancora dei graffi sulla superficie. Questi graffi sono stati causati dalla forza fisica e dal movimento del terremoto.

 

Memoria

Molti tipi di beni culturali trasmettono la memoria dei terremoti in Giappone. Torahiko Terada, famoso scienziato e saggista giapponese, ha scritto: "Il disastro colpisce quando meno ce lo si aspetta" Tutti i bambini giapponesi conoscono questa frase. Terada ha anche scritto: "Se la notte arrivasse una volta ogni secolo, sarebbe un disastro. Dall'altra parte, se uno tsunami si verificasse ogni pochi anni, anche uno tsunami non sarebbe un disastro". Questo messaggio è molto significativo per la gestione del rischio di catastrofi. Secondo Terada, se i terremoti sono considerati un disastro o meno dipende dal rapporto tra la frequenza dei terremoti e la memoria umana. È impossibile ridurre la frequenza dei terremoti, ma è possibile allungare la memoria umana utilizzando il patrimonio culturale e naturale.

L'urgenza della preparazione alle calamità dipende dalla memoria. Rafforzare questi ricordi attraverso il patrimonio culturale e naturale e trasmetterli da una generazione all'altra può rivelarsi una potente strategia aggiuntiva per mitigare le catastrofi.

 

Eisuke Nishikawa
Collaboratore di progetto distaccato presso l'ICCROM dall'Agenzia per gli affari culturali, Giappone