Centro internazionale di studi
per la conservazione ed il
restauro dei beni culturali
Un viaggio virtuale nel Musée d'…

Un viaggio virtuale nel Musée d'Antiquités di Algeri

Date

La risorsa del mese di novembre della Biblioteca ci porta in Algeria. Lì, vogliamo fare una visita virtuale al Musée des Antiquités di Algeri, o meglio, all'ex Musée Stéphane Gsell, durante una serie di eventi che si sono tenuti tra il 1954 e il 1958. Oggi, non ci limiteremo ad entrare dalla porta (anche se sono certo di non essere l'unico che vorrebbe tanto fare proprio questo). Come sempre in questa rubrica, ci muoveremo lungo i sentieri dell'immaginazione, ispirati dai libri della collezione della Biblioteca dell’ICCROM.

Questa volta abbiamo scelto non un solo libro, ma un'intera serie di esili volumi grigi impacchettati strettamente insieme, che aprono la classifica XXVII A Algérie; il numero 'XXVII' sta per cataloghi di musei.

Questa piccola collezione è composta da 13 volumi delle cosiddette Conférences-Visites du Musée Stéphane Gsell. Con le loro copertine di cartone grigio, le pubblicazioni di 20-30 pagine di questa serie furono pubblicate nel 1957-1958 dalla Direction de l'Intérieur et des Beaux-Arts, Gouvernement Générale de l'Algérie. Gli autori erano esperti nel campo dell'archeologia, professori universitari o personale dei musei, come Georges Marçais, esperto francese di arte e architettura islamica dell'epoca, o Marcel Le Glay, archeologo e storico, così come il suo collega e amico Jean Lassus. Lassus, un esperto di monumenti cristiani in Siria, fu attivo nella Résistance e di conseguenza inviato al campo di concentramento di Dachau, dove alla fine sopravvisse. Nel 1967, divenne il primo direttore della nota rivista Antiquités Africaines. Dopo la sua morte nel 1990, il suo amico Le Glay dichiarò in un necrologio (Antiquités Africaines, Année 1991, N. 27, p. 7-9) che i due avevano lavorato insieme ad Algeri dal giugno 1955 "dans une atmosphère de cordiale et souriante amitié comme lui seul la savait créer d'emblée" (in un clima di cordiale e sorridente amicizia come solo lui sapeva creare fin dall'inizio).

La serie può essere vista come il risultato di una fruttuosa collaborazione tra diversi autori e personalità nel campo dell'archeologia e delle antichità, ma anche della museologia e della conservazione del patrimonio. Ogni singolo volume è interessante e degno di essere letto di per sé. Gli argomenti dei singoli numeri spaziano da escursioni su specifiche sottocollezioni del museo, come i volumi 1, 6 e 9, che Marcel Leglay dedica rispettivamente alle religioni orientali e alla scultura e ritrattistica antica, o 4, 10 e 11, in cui Jean Lassus scrive dell'arte del mosaico, dei reliquiari e di parti della collezione di scultura del museo.

RoM November 2021
L'art de la tente, p. 15, Fig. 5 "Gfal, pl. Gfalat" and surrounding text.

A L. Golvin dobbiamo anche forse tre dei volumi più interessanti: il 5, che tratta della ceramica islamica nella collezione del museo, l'8, sull'arte tessile nordafricana del museo Stephan Gsell, e il volume 12 su "L'Art de la tente", stampato nel 1957-58. Golvin, all'epoca professore alla Faculté des Lettres d'Alger, analizza qui le tende dei nomadi, le loro tipologie e la loro costruzione (Ill. 1), entrando in grande dettaglio. Il testo è illustrato con disegni di particolarità nella costruzione, e per documentare accuratamente alcuni componenti e materiali, Golvin usa i termini nella lingua dei nomadi (Ill. 2). Alla fine del saggio, l'autore dedica alcuni paragrafi al patrimonio immateriale dei nomadi, la loro musica e la loro danza, che hanno un ruolo importante nella loro vita quotidiana.

In questo saggio, possiamo chiaramente leggere tra le righe l'entusiasmo dell'autore, non solo per la complessa arte delle costruzioni di tende, ma soprattutto per le persone che le abitavano. A mio parere personale, Golvin ha chiaramente compreso la forte connessione tra luogo e patrimonio, senza menzionarla esplicitamente, ma semplicemente dedicando i suoi studi ai luoghi e alle case dove - solo 70 anni fa - queste famiglie nomadi vivevano la loro vita e celebravano la loro cultura.

Purtroppo il nostro viaggio finisce qui, ma vi invitiamo a intraprenderne molti altri venendo a trovarci in biblioteca... di persona o virtualmente! Per ulteriori informazioni scriveteci a library@iccrom.org.

RoM November 2021 2
L'art de la tente, p. 9, Fig 1, "Les formes et les couleurs"