Centro internazionale di studi
per la conservazione ed il
restauro dei beni culturali
Lazar Sumanov (1940-2021)

Lazar Sumanov (1940-2021)

Lazar Sumanov

È con profonda tristezza che l’ICCROM ha appreso della scomparsa, il 9 maggio 2021, dopo una breve malattia, del Dott. Lazar Sumanov, ex membro del Consiglio dell’ICCROM. Lazar era una persona aperta e positiva, ottimista e ospitale. Sempre attivo, impegnato a sostenere la causa del patrimonio culturale, sia in Macedonia del Nord, suo paese d'origine, che in altre parti del mondo.

Formatosi come architetto, si era specializzato nella conservazione del patrimonio architettonico, conseguendo il dottorato (DPhil) presso l'Istituto di Studi Avanzati di Architettura dell'Università di York (UK). Continuò poi a York come docente a contratto per diversi anni, ed insegnò inoltre all'École nationale supérieure d'architecture dell‘Università di Marsiglia, Francia.

Era impiegato presso l'Istituto per la tutela del patrimonio culturale della Repubblica di Macedonia, dove lavorò per circa trent’anni. Nel suo lavoro, si dedicò particolarmente ai rischi di danni da terremoto, affiancando altri colleghi nello studio di misure preventive, soprattutto nelle strutture vulnerabili, quali monasteri e chiese. In accordo con la Banca Mondiale e il governo nazionale, intraprese un progetto quadriennale di Sviluppo comunitario e cultura (1999-2003). Tale progetto comprendeva studi sperimentali a livello locale sul coinvolgimento della comunità, prendendo in considerazione la riduzione della povertà, lo sviluppo socio-economico e il coinvolgimento della comunità in progetti legati al patrimonio.

A livello nazionale, è stato coinvolto nella promozione e nel coordinamento dello sviluppo istituzionale. Una delle sue proposte era quella di cercare collaborazione e finanziamenti per l'uso di attrezzature e metodi digitali a basso costo per la registrazione del patrimonio architettonico, la documentazione e la gestione delle informazioni. Nel 2004, il Getty Conservation Institute pubblicò il rapporto del suo team su La Conservazione e difesa antisismica delle chiese bizantine in Macedonia. Nel 2010, propose inoltre l’applicazione in Macedonia del secondo protocollo del 1999 relativo alla Convenzione dell'Aia.

Lazar partecipò al Corso Internazionale di Conservazione Architettonica (ARC) dell'ICCROM nel 1986. L'anno seguente, partecipò al Seminario sulle competenze didattiche dell’ICCROM. Una volta tornato a casa, era solito organizzare presentazioni e interviste alla televisione e alla radio sulle attività dell’ICCROM. Dal 1997 al 2001 fu membro del Consiglio dell'ICCROM e prese parte a diverse Assemblee generali come rappresentante del suo paese e spesso anche in rappresentanza dell'ICOMOS.

Lazar fu il presidente fondatore del Comitato Nazionale Macedone dell'ICOMOS nel 1994. Dal 2005 al 2008, fu membro del Consiglio direttivo del Comitato Internazionale dell'ICOMOS e anche membro dell'Accademia ICOMOS. Dopo il pensionamento dal servizio pubblico, dedicò il proprio tempo a sostenere le attività dell'ICOMOS in Macedonia del Nord e a promuovere attivamente la conservazione del patrimonio a livello internazionale.  

Il Direttore generale, Webber Ndoro, e i colleghi dell'ICCROM ricordano con affetto Lazar come uno straordinario professionista della conservazione, sempre positivo e ottimista, cosa di cui si sente il bisogno nel campo del patrimonio culturale.

Jukka Jokilehto