Il corso MOSAIKON a Sidone ha riunito apprendisti in conservazione dei mosaici per fronteggiare la conservazione a lungo termine dei mosaici in deposito.

MOSAIKON participants in Sidon, Lebanon
MOSAIKON participants in Sidon, Lebanon

La Direzione Generale delle Antichità del Libano (DGA), il Getty Conservation Institute (GCI) e il Centro Internazionale per lo Studio della Conservazione e del Restauro dei Beni Culturali (ICCROM) attraverso il suo Ufficio Regionale di Sharjah hanno annunciato la conclusione di un corso di quattro settimane a Sidone, in Libano. Il "Cantiere di formazione MOSAIKON per la conservazione dei mosaici in deposito" si è svolto dal 10 ottobre al 4 novembre 2022.

Una cerimonia di chiusura, il 4 novembre 2022, ha celebrato il completamento della formazione, uno dei corsi finali di MOSAIKON, un'iniziativa che dura da 14 anni in collaborazione con il GCI, la Fondazione Getty, l'ICCROM e il Comitato internazionale per la conservazione dei mosaici (ICCM). Dal 2008, MOSAIKON ha formato oltre 200 persone nella conservazione dei mosaici dei Paesi del Mediterraneo meridionale e orientale.

All'inizio della cerimonia di chiusura, il gruppo di lavoro ha discusso i risultati del questionario con cui sono stati valutati i corsisti e il grado di acquisizione delle competenze pratiche e dei principi teorici per la conservazione dei mosaici in deposito. Dott. Aicha ben Abed, Coordinatore di MOSAIKON, ha tenuto una conferenza sulla storia del mosaico nel bacino del Mediterraneo, spiegandone l'importanza, le tipologie e le forme. Al termine della cerimonia, l'Architetto Sarkis El Khoury, Direttore generale delle antichità del Libano, ed il Dott. Zaki Aslan, Rappresentante regionale dell'ICCROM per gli Stati arabi e Direttore dell'ufficio ICCROM-Sharjah negli Emirati Arabi Uniti, hanno visitato il sito di formazione e hanno visto i frammenti di mosaico che sono stati stabilizzati e ricollocati e la modalità di deposito mantenuta. In seguito, l'Architetto El Khoury ed il Dott. Aslan, alla presenza di Livia Alberti e Cristina Caldi del GCI, hanno distribuito gli attestati di partecipazione agli apprendisti, elogiando i loro sforzi e sottolineando l'importanza di proseguire il lavoro di restauro dei mosaici e di costruire capacità nazionali nella conservazione dei mosaici.

"È stato un grande piacere per il Ministero della Cultura - Direzione Generale delle Antichità organizzare questa formazione con i suoi partner, soprattutto dopo le enormi sfide incontrate negli ultimi due anni", ha dichiarato l'Architetto El Khoury. "Il fragile stato di conservazione dei mosaici nei depositi di Sidone ci ha portato a sviluppare metodologie di trattamento semplici, poco costose e sostenibili per la loro conservazione a lungo termine, in accordo con le esigenze del Libano".

"Per oltre un decennio, l'ICCROM ha avuto il privilegio di lavorare con partner impegnati e partecipanti eccellenti all'iniziativa MOSAIKON", ha dichiarato Webber Ndoro, Direttore generale dell'ICCROM. "Siamo lieti di vedere che questa collaborazione continua mentre coltiviamo i futuri leader negli sforzi per la conservazione del patrimonio musivo".

Tra le minacce alla conservazione dei mosaici vi sono le nuove costruzioni, i saccheggi e la mancanza di professionisti formati per gestire le esigenze di manutenzione continua. Il corso ha riunito otto dipendenti della DGA e due dipendenti governativi della Giordania per migliorare la capacità delle autorità di questi Paesi di conservare il loro patrimonio musivo.

I corsisti hanno appreso, attraverso l'esperienza pratica, una diversa metodologia per la documentazione e la conservazione dei mosaici staccati, utilizzando malte di calce per stabilizzarli e rivestirli, insieme a misure preventive per conservarli a lungo termine.

"È stato un onore tenere questo corso in Libano, uno dei primi Paesi in cui abbiamo avviato l'iniziativa MOSAIKON", ha dichiarato Thomas Roby, Specialista senior del progetto presso il GCI. "Siamo certi che i partecipanti al corso utilizzeranno le conoscenze e l'esperienza pratica acquisite durante il cantiere di formazione per continuare a proteggere il patrimonio archeologico vulnerabile della regione per gli anni a venire, oltre a fare da tutor ai futuri professionisti della conservazione dei mosaici per continuare questo importante lavoro".

Trainees applying temporary clay backing to allow a mosaic to be safely turned over and its facing removed
Trainees applying temporary clay backing to allow a mosaic to be safely turned over and its facing removed. Photo: Getty

Sono state condotte esercitazioni pratiche con i partecipanti utilizzando esempi tratti da un'ampia collezione di mosaici staccati dal centro di Beirut, conservati a Sidone senza alcun supporto dal 1998. Dopo aver valutato le loro cattive condizioni, su un frammento di mosaico sono stati eseguiti i lavori urgenti per fornire un supporto di malta e rimuovere i rivestimenti deteriorati utilizzati per sollevarli decenni prima. Le operazioni supervisionate dagli apprendisti si sono concluse con il trasferimento del frammento in un prototipo di scaffale metallico per la sua conservazione a lungo termine. Con le competenze e le conoscenze acquisite grazie a questa esperienza, il compito pluriennale di conservare l'intera collezione di mosaici dell'antica Beirut può finalmente iniziare, dopo 25 anni, nel deposito appositamente costruito.

"Siamo onorati di essere stati il punto di riferimento dell'ICCROM per l'iniziativa MOSAIKON sin dal suo inizio, con i partner impegnati nel 2008. È appagante culminare un decennio di lavoro con i Paesi del Mediterraneo che si occupano di aree di deposito spesso trascurate e nascoste con mosaici significativi, come quelli scoperti nel centro di Beirut negli anni '90", ha dichiarato il Dott. Zaki Aslan. "Queste e altre opere d'arte simili rimangono testimonianze da cui le generazioni future, le persone e i ricercatori potranno imparare e godere, e meritano sforzi continui per preservarle adottando approcci metodologici che i futuri leader che hanno partecipato ai corsi MOSAIKON senza dubbio diffonderanno ulteriormente".

Mentre il completamento del corso di Sidone è tra le attività finali di MOSAIKON, i partner dell'iniziativa continueranno a impegnarsi per il suo obiettivo a lungo termine di preservare i mosaici antichi in tutto il bacino del Mediterraneo.

Un altro corso finale MOSAIKON per mosaici staccati si terrà a Byblos, in Libano, a fine novembre, a cura del Ministero della Cultura del Libano - Direzione Generale delle Antichità (DGA).