Centro internazionale di studi
per la conservazione ed il
restauro dei beni culturali

Il Metodo

RE-ORG

Il Metodo RE-ORG rappresenta un approccio graduale per aiutare coloro che lavorano con le collezioni culturali, a riorganizzare i loro attuali depositi, concentrandosi sull'uso creativo, ma sicuro, delle risorse esistenti. Il metodo comprende quattro fasi:

  1. Avvio: creare le migliori condizioni possibili per una riorganizzazione di successo del deposito.
  2. Rapporto sulla condizione: documentare lo stato attuale del deposito per identificare le principali minacce che interessano la collezione.
  3. Piano d’azione: definire i compiti necessari e stabilire un calendario del progetto.
  4. Attuazione: attuare il piano d'azione e garantire un monitoraggio costante.

Tutte le linee guida, i moduli e gli strumenti di cui i musei avranno bisogno per realizzare il proprio progetto RE-ORG sono inclusi nei seguenti strumenti:

  • lo strumento di autovalutazione, che fornisce un'istantanea delle questioni chiave che influenzano la funzionalità dei depositi del museo;
  • il manuale di istruzioni, che contiene tutte le istruzioni essenziali passo-passo, che si applicano alla maggior parte dei progetti RE-ORG;
  • le schede tecniche, che raccolgono tutte le informazioni essenziali alla preparazione di un progetto di riorganizzazione del deposito;
  • le risorse supplementari, che forniscono strumenti e orientamenti ulteriori per casi specifici.

 
Per iniziare, guardate il seguente tutorial, prodotto dall’Istituto Canadese per la Conservazione (CCI)
Sviluppato inizialmente dall’ICCROM con il sostegno dell'UNESCO, il metodo RE-ORG è stato rivisto nel 2017, in stretta collaborazione con l’Istituto Canadese per la Conservazione.

 

 

Sviluppato inizialmente dall’ICCROM con il sostegno dell'UNESCO, il metodo RE-ORG è stato rivisto nel 2017, in stretta collaborazione con l’Istituto Canadese per la Conservazione.