Centro internazionale di studi
per la conservazione ed il
restauro dei beni culturali
Passi da gigante nell'avventura Natura-…

Passi da gigante nell'avventura Natura-Cultura

ICCROM Director-General at the IUCN World Conservation Congress
Il Direttore generale Webber Ndoro in una sessione di alto livello del Congresso.

L’ICCROM si è recentemente unita a professionisti, decisori e leader di tutto il mondo in occasione del tanto atteso Congresso Mondiale della Conservazione della Natura dell'Unione Internazionale (IUCN), tenutosi in formato ibrido a Marsiglia, in Francia, e online, dopo essere stato rinviato lo scorso anno a causa della pandemia di COVID-19. Le nostre due organizzazioni collaborano strettamente nell’ambito del Programma di Leadership del patrimonio mondiale e condividono l'impegno per il miglioramento delle pratiche di conservazione e gestione del patrimonio culturale e naturale.

"La natura e la cultura non sono mai state separate", ha affermato il Direttore generale Webber Ndoro in una sessione di alto livello del Congresso, che ha esaminato la diversità culturale e naturale nel contesto del quadro globale della biodiversità post-2020. "Percepiamo la natura attraverso i nostri filtri culturali e la cultura non esisterebbe senza la natura. Il nostro mondo e l'ambiente, ha spiegato, devono essere compresi come un'entità olistica in cui tutti gli elementi sono intrecciati.

Valerie Magar at the IUCN World Conservation Congress
Unit Manager per i programmi Programmes Valerie Magar in una sessione tematica sul Convenzione del Patrimonio Culturale.

In una sessione  tematica incentrata sullo stato della Convenzione del Patrimonio Mondiale, in vista del suo 50° anniversario, Valerie Magar, Unit Manager per i programmi dell'ICCROM, ha sottolineato l'importanza del consolidamento delle capacità nell'applicazione della Convenzione, nonché la necessità di riconoscere il sapere tradizionale e le voci autoctone nella gestione dei siti del Patrimonio Mondiale. Ha inoltre parlato del valore della collaborazione tra gli organi consultivi e il Centro del patrimonio mondiale dell'UNESCO in una discussione con l’IUCN, l’ICOMOS e l’UNESCO.

Le valutazioni d'impatto per il patrimonio mondiale e le nuove linee guida e il toolkit sviluppati dal Programma di Leadership del patrimonio in collaborazione con l'UNESCO e l'ICOMOS sono stati oggetto di una sessione organizzata dall’ICCROM, l’IUCN e l’ICOMOS nel campus. Ai partecipanti è stato presentato un quadro generale del processo di valutazione dell'impatto nel contesto del patrimonio mondiale.

A campus session of the congress jointly organized by ICCROM, IUCN and ICOMOS
Gli eventi online hanno incluso sessioni sulle linee guida delle valutazioni d'impatto e toolkit sviluppati dal Programma di Leadership del patrimonio e i suoi partners.

Il Programma di Leadership del patrimonio mondiale ha inoltre partecipato a due eventi chiave in cui è stato presentato il lavoro della partnership PANORAMA e della comunità tematica Natura-Cultura, il primo consistente in una sessione del campus volta a sviluppare "soluzioni per un pianeta sano" e il secondo in un evento di alto livello sul lavoro e i benefici della partnership.

Eugene Jo, Responsabile del Programma di Leadership del patrimonio mondiale presso l’ICCROM, ha presentato il lavoro svolto nell’ambito del programma, che si propone di integrare gli approcci incentrati sulle persone alla conservazione della natura e della cultura nella gestione del patrimonio. Il suo intervento, che ha delineato le future risorse e opportunità di sviluppo delle capacità, può essere visto qui.

Il Congresso mondiale della conservazione dell'IUCN, che si tiene ogni quattro anni, è uno dei più grandi eventi mondiali sulla conservazione della natura. Quest'anno è durato nove giorni, dal 3 all'11 settembre 2021. Un resoconto della giornata finale, che ha portato all'adozione del Manifesto di Marsiglia, può essere letto qui.