Centro internazionale di studi
per la conservazione ed il
restauro dei beni culturali
Apprendere la conservazione del…

Apprendere la conservazione del patrimonio in tempo di Covid

Cosa pensa la prossima generazione di professionisti della conservazione sull'apprendimento al tempo della COVID?

What do the next generation of conservation professionals think about studying in the time of COVID?

Gli studenti Eleonora Sermoneta e Amber Bhatty condividono le loro intuizioni sulle sfide e le priorità associate allo studio della conservazione del patrimonio durante una pandemia globale.

L'anno scorso, mentre infuriava la battaglia contro la COVID-19, abbiamo partecipato a un webinar, Heritage Conservation Learning in the COVID World, organizzato da ICCROM, Athabasca University e IIC. Grati per l'opportunità di riflettere sull'interruzione dei nostri studi innescata dalla pandemia, abbiamo deciso di raggiungere i colleghi studenti di tutto il mondo per assicurarci che anche le loro preoccupazioni ed esperienze fossero rappresentate.

In quel periodo, il patrimonio e le istituzioni didattiche di tutto il mondo erano state costrette a chiudere i battenti, rendendo difficile per loro continuare a servire le loro comunità. In particolare, la chiusura delle università ha comportato una mancanza di opportunità di apprendimento pratico per gli studenti di conservazione, mentre i tirocini nei musei non erano più fattibili.

Le istituzioni didattiche e gli studenti hanno dovuto adattarsi rapidamente a questa nuova realtà e abbracciare l'apprendimento e l'impegno online. La curva di apprendimento è stata ripida per tutti coloro che cercavano di superare le sfide impreviste. Per molti, il processo di adattamento continua.

Attraverso i social media, siamo stati in grado di offrire agli studenti una piattaforma per la discussione e il dibattito, con l'obiettivo di amplificare le loro voci. Ascoltare le loro storie ci ha permesso di capire come la pandemia stava e sta influenzando i loro studi e le loro aspettative per il loro futuro professionale.

Cosa ha scoperto la nostra ricerca

Mentre si è generalmente d'accordo sul fatto che la teoria della conservazione può essere appresa online, quasi tutti gli studenti che hanno commentato sentono che l'apprendimento online non è un sostituto quando si tratta degli elementi più pratici della conservazione del patrimonio. Come tale, quasi tutti hanno dato la priorità al ritorno all'apprendimento pratico e alla necessità di un tempo di laboratorio supplementare quando le circostanze lo permettevano.

Allo stesso modo, molti studenti erano preoccupati per i limiti dei tirocini e delle opportunità di volontariato, con alcuni che chiedevano supporto per trovare alternative ai tirocini tradizionali. In particolare, gli studenti hanno riconosciuto che una mancanza di esperienza pratica potrebbe influenzare la loro occupabilità post-COVID.

Per alcuni studenti, la situazione ha creato degli aspetti positivi, come la conoscenza che può essere acquisita attraverso un maggiore accesso a nuove risorse online, tra cui webinar e corsi e conferenze virtuali. Più tempo potrebbe anche essere dedicato ad attività utili come la ricerca approfondita, le competenze digitali o la documentazione.

I risultati della nostra ricerca sono discussi più a lungo in Investigating Heritage Conservation Students' Priorities in the COVID and post-COVID World, pubblicato sulla rivista dell'International Institute of Conservation, News in Conservation.

Vale la pena dare un'occhiata anche alla trascrizione delle domande del pubblico e delle risposte del panel del webinar, che tocca le preoccupazioni degli studenti riguardo alle lacune nell'esperienza pratica, la gestione delle aspettative dei datori di lavoro e il superamento delle barriere all'accesso alle TIC e alle opportunità di formazione virtuale.

Come gli studenti si stanno adattando

Dopo il webinar, il mondo ha sperimentato la seconda e in alcuni luoghi la terza ondata di COVID-19, ognuna delle quali ha portato con sé nuove sfide. Gli studenti di conservazione del patrimonio, come gli educatori, i professionisti e le istituzioni di tutto il settore, continuano a imparare nuovi modi per adattarsi e far fronte alla continua incertezza.

Un approccio che si è rivelato vincente per noi è stato quello di cercare comunità online - forum in cui interagire e imparare dai colleghi, rimanere collegati al settore e persino formare nuove preziose amicizie. Se non altro, la pandemia ha dimostrato che la comunità della conservazione è una comunità solidale, anche nella sfera digitale.

Gli studenti devono anche essere coinvolti nelle conversazioni sul futuro dell'apprendimento della conservazione del patrimonio nel mondo post-pandemia. Con questo in mente, un secondo webinar congiunto ICCROM-Athabasca University-IIC, Pandemic insights: revealing the essential of heritage conservation, avrà luogo il 24 giugno 2021 alle 17 (Roma, Italia).

Non vediamo l'ora di continuare la discussione lì!

Eleonora Sermoneta studia Gestione delle Risorse del Patrimonio presso la Athabasca University in Alberta, Canada e lavora come programmatore di apprendimento presso il Royal Alberta Museum.

Amber Bhatty sta completando un MSc in pratica di conservazione all'Università di Cardiff in Cardiff, Galles.

Per saperne di più sul webinar dell'anno scorso

Heritage Conservation Learning in the COVID World ha riunito una comunità di educatori e studenti internazionali per discutere le loro esperienze durante la prima ondata di COVID-19.

Il webinar è stato moderato da José Luiz Pedersoli Jr, ICCROM, Prof. Shabnam Inanloo Dailoo, Athabasca University, e Prof. Jane Henderson, IIC.

Tra i relatori c'erano:

  • Fiona Graham, tutor, conservazione, programma di gestione delle risorse del patrimonio, Athabasca University; professore aggiunto, programma di conservazione dell'arte, Queen's University, Canada
  • David Cohen, professore assistente, Facoltà di Arti e Scienze Umane, Universidad de los Andes, Colombia
  • Terry Little, docente senior, Ahmadu Bello University, Nigeria; consulente senior, Trust for African Rock Art, Kenya
  • Sagita Mirjam Sunara, Professore Assistente, Dipartimento di Conservazione e Restauro; Vice-Decano di Arti, Scienze, Collaborazione Internazionale e ECTS, Università di Spalato, Croazia.
  • Satish Pandey, Professore Associato e Capo, Dipartimento di Conservazione dell'Arte, Istituto del Museo Nazionale, India.
  • Eleonora Sermoneta, Studentessa, Programma di gestione delle risorse del patrimonio, Athabasca University; Programmatore di apprendimento per adulti, Royal Alberta Museum, Canada.
  • Amber Bhatty, Studentessa, MSc Conservation Practice, Cardiff University, Regno Unito.