International seminar addresses the issue of heritage on fire

Circa 500 professionisti e studenti del settore dei beni culturali e non solo si sono riuniti al Museo di Storia Nazionale del Brasile per partecipare al seminario internazionale Patrimonio in fiamme: chi sarà il prossimo? - La gestione del rischio di incendio per il patrimonio culturale (26-28 giugno, Rio de Janeiro). Il seminario ha affrontato la questione urgente di come ridurre efficacemente le perdite di beni culturali provocate dagli incendi.

Organizzato dall'ICCROM in collaborazione con l'IBRAM (Instituto Brasileiro de Museus) e l'ICOM Brasil, in partenariato con il British Council, l'Ufficio dell'UNESCO in Brasile, l'IPHAN (Instituto do Patrimônio Histórico e Artístico Nacional) e il Museo Nazionale del Brasile, il seminario ha usufruito di una ricca selezione di contributi di 17 esperti internazionali, dell'ICOM e dell'ICCROM.

Nel suo discorso di apertura, il direttore generale dell'ICCROM, il dottor Webber Ndoro, ha ribadito che l'incendio rappresenta un rischio considerevole per il patrimonio culturale e ha sottolineato l'importanza di dare priorità alla manutenzione e ad un controllo adeguato nonché all'utilizzo di mezzi efficaci per prevenire gli incendi relativamente ai beni del patrimonio culturale. Riferendosi al devastante incendio al Museo Nazionale del Brasile nel settembre 2018, il dottor Ndoro ha affermato che questa tragedia dovrebbe essere trasformata in qualcosa di positivo, in una lezione importante e in un'opportunità per riflettere in modo critico su come evitare o ridurre al minimo il ripetersi di tali eventi in futuro. Ha ringraziato le autorità brasiliane per il patrimonio e le altre istituzioni partner per il loro prezioso e tempestivo sostegno all'organizzazione del seminario e ha ribadito l'impegno dell'ICCROM nel continuare a lavorare con i suoi Stati membri su questo tema cruciale.

International seminar addresses the issue of heritage on fire

Le sessioni tecniche del seminario sono iniziate con la presentazione da parte del Project Manager dell'ICCROM José Luiz Pedersoli Jr. relative alle recenti statistiche sugli incendi in Brasile, Canada, Cina, Giappone e Svezia. I dati rappresentano la prova concreta che il patrimonio culturale in tutto il mondo è continuamente colpito dal fenomeno degli incendi. Le biblioteche canadesi nella provincia del Quebec hanno una media di tre incendi all'anno, i beni culturali giapponesi una media di quattro incendi all'anno e i siti di reliquie culturali cinesi cinque incendi all'anno.  Gli edifici culturali svedesi sono colpiti da una media di sei incendi all'anno, mentre i musei canadesi a livello nazionale e i musei brasiliani nello Stato di San Paolo subiscono una media di nove incendi all'anno. Secondo gli oratori successivi, le medie sono ancora più alte per gli edifici e i musei protetti nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Tenendo conto delle dimensioni della popolazione dei beni culturali in ciascun caso, la probabilità stimata di incendio per singolo bene in un periodo di 30 anni oscilla tra l'1% e il 40%.

Le statistiche mostrano inoltre che pratiche non sicure, guasti elettrici o tecnici nei sistemi degli edifici o altri guasti alle apparecchiature sono la causa principale degli incendi: questi hanno provocato il 42% degli incendi in Svezia, il 60% in Canada e il 71% in Cina. Tali incendi possono essere efficacemente prevenuti tramite adeguate misure di manutenzione e di sicurezza, ha dichiarato Pedersoli.                  
Le analisi quantitative dei rischi condivise da Irene Karsten del Canadian Conservation Institute (CCI) mostrano costantemente che l'incendio è una priorità assoluta rispetto ad altri rischi per i beni culturali in Canada. Risultati simili sono stati ottenuti da Pedersoli in Brasile. Karsten ha inoltre presentato risultati quantitativi che dimostrano che le misure di riduzione del rischio incendio, anche se spesso più costose, sono tra le opzioni più economiche per proteggere i beni culturali.

Aparna Tandon, Project Manager dell'ICCROM, ha evidenziato la crescente minaccia al patrimonio culturale materiale e immateriale rappresentata dagli incendi su larga scala che colpiscono aree o siti del patrimonio culturale. Ciò include incendi boschivi sempre più estesi e frequenti causati dai cambiamenti climatici. In questo caso, il coordinamento intersettoriale e il coinvolgimento della comunità sono essenziali per costruire la resilienza e rispondere in modo efficace. Approfittando della sua partecipazione al seminario, Tandon ha condotto un workshop di un giorno sul Coordinamento e la cooperazione tra agenzie per il patrimonio resistente alle catastrofi. Tale attività pionieristica in Brasile ha riunito oltre 25 partecipanti provenienti dal settore del patrimonio, della riduzione del rischio di catastrofe e dalle agenzie di gestione delle emergenze per discutere e programmare una migliore integrazione del patrimonio culturale nella pianificazione della gestione del rischio di catastrofe a livello nazionale e locale.               

Survey result
Click to Enlarge

Il seminario ha altresì affrontato il tema controverso dell'uso degli irrigatori a sprinkler per proteggere il patrimonio culturale. Una percezione comune, rilevante tra i professionisti del patrimonio culturale, è che il rischio di danni da acqua dovuti al guasto dello sprinkler è maggiore del rischio di danni da incendio. Ciò è probabilmente dovuto a malintesi sul funzionamento dei sistemi sprinkler, sulla loro affidabilità e sull'entità relativa dei due rischi. Ad esempio, è comune pensare che tutti gli sprinkler si scaricano simultaneamente nel cosiddetto "effetto Hollywood". Il livello di emissione accidentale per gli sprinkler, dell'ordine di 1 su 16 milioni, non è molto conosciuto. Tuttavia, il rischio di danni da incendio ad un bene culturale è di diversi ordini di grandezza superiore a quello dei danni localizzati causati dall'acqua a causa del guasto di una testa dello sprinkler. Per questo motivo, importanti istituzioni culturali come la CCI e lo Smithsonian, rispettivamente, raccomandano sistematicamente l'uso di sprinkler antincendio per la protezione dei beni culturali, attuando tale raccomandazione in modo approfondito.  Durante le discussioni del seminario, un sondaggio online ha misurato l'opinione del pubblico (vedi grafico). È interessante notare come il risultato mostri uno spostamento significativo verso l'accettazione degli sprinkler nelle aree di conservazione del patrimonio rispetto alle precedenti indagini condotte dall'ICCROM.

International seminar addresses the issue of heritage on fire

Le sessioni plenarie del seminario hanno trattato con successo un ampio spettro di argomenti relativi alla gestione del rischio incendio per il patrimonio culturale, dalla legislazione e le politiche allo stato dell'arte delle risorse per la sicurezza antincendio; dal pronto soccorso, il recupero e il rilancio alla costruzione di una cultura del rischio incendio nelle organizzazioni culturali. Sono stati presentati diversi studi di casi e sono state condivise importanti lezioni apprese in ciascuno di essi. Una visita al Museo Nazionale del Brasile e una presentazione del suo vicedirettore, Cristiana Serejo, ha offerto una finestra sulle azioni di recupero in corso e sul futuro di questa importante istituzione patrimoniale.           

International seminar addresses the issue of heritage on fire

L'ultimo giorno del seminario, un forum specializzato ha riunito il gruppo internazionale di esperti partecipanti per avviare discussioni mirate e approfondite sulle principali sfide per proteggere il patrimonio culturale dal rischio di incendio e sulle migliori soluzioni per superarle. Il gruppo si è concentrato su cinque assi tematici che includevano:

  1. legislazione & politiche,
  2. sensibilizzazione & informazione,
  3. ricerca sulla sicurezza antincendio & tecnologia per il patrimonio culturale,
  4. preparazione, risposta & recupero,
  5. una cultura della prevenzione.

Il risultato è stato un insieme di raccomandazioni attualmente in fase di consolidamento e che saranno presto pubblicate dagli organizzatori. Insieme alle pubblicazioni successive al seminario, tali raccomandazioni forniranno un risultato concreto per sostenere i cambiamenti politici e garantire un'ampia diffusione dei risultati. Restate sintonizzati!

Stati Membri rappresentati: Brasile, Canada, Cile, Guatemala, Svezia, Regno Unito, Stati Uniti d’America